SPAZIO / Concorso MAXXI duepercento

SPAZIO / Concorso MAXXI duepercento

In occasione dell’inaugurazione del MAXXI, nell’ambito del percorso espositivo SPAZIO, saranno inaugurate anche le opere vincitrici del concorso internazionale MAXXI duepercento indetto nell’ottobre 2008 in applicazione della legge 717 del 1949 che riserva il 2% della spesa per nuovi edifici pubblici alla produzione di opere d’arte.
La giuria ha selezionato, tra gli 11 finalisti, i due progetti vincitori: quello di Maurizio Mochetti per l’atrio del Museo e quello di Massimo Grimaldi per l’area esterna.

Maurizio MochettiRette di luce nell’iperspazio curvilineo, 2010, fibra di carbonio, acciaio, proiettori, diametro tubi cm 22, dimensione ambiente

Il progetto prevede l’installazione permanente di quattro lunghi “tubi” dipinti di rosso sospesi con tiranti d’acciaio, contenenti al loro interno un complesso dispositivo di proiezione luminosa che getta un fascio di luce, anch’essa di color rosso, sull’architettura, disegnandovi profili che mutano a seconda dei diversi angoli di incidenza. Velocità, forza, tensione, resistenza, riflesso, peso, elasticità, potenza, sono i termini con cui Mochetti ha declinato nel suo percorso un’idea di arte come esperienza fisica e mentale destinata a mutare il profilo della percezione e dunque la comprensione del mondo.

Massimo GrimaldiEmergency’s Paediatric Centre in Port Sudan Supported by MAXXI, 2010, videoproiezione, DVD, lettore DVD, proiettore, dimensioni ambiente

Il progetto di Massimo Grimaldi prevede la costruzione di un ospedale pediatrico a Port Sudan, in Sudan, gestito dall’associazione Emergency, utilizzando i fondi messi a disposizione dal concorso pubblico. Le diverse fasi della costruzione e il successivo funzionamento della struttura , oggetto di vari reportage fotografici realizzati o commissionati dall’artista nel corso del tempo, sono proiettati su uno dei muri esterni del museo a ciclo continuo.