Spazio. Dalle collezioni di arte e architettura del MAXXI

 



Spazio.
Dalle collezioni di arte e architettura del MAXXI.
Dal 30 maggio 2010 al 23 gennaio 2011

a cura di Pippo Ciorra, Alessandro D’Onofrio, Bartolomeo Pietromarchi e Gabi Scardi.
catalogo Electa a cura di Stefano Chiodi e Domitilla Dardi

Tema comune alle due anime del MAXXI e all’edificio che le ospita, lo Spazio è il filo conduttore del primo allestimento della collezione permanente dei due musei di arte e architettura.
Da sempre gli artisti lo considerano uno degli elementi essenziali della loro ricerca e della loro pratica creativa. Alcuni lavorano fisicamente con lo Spazio e sullo Spazio per comprendere e rappresentare la realtà che li circonda. Altri, invece, ricercano negli spazi della mente e della memoria individuale o collettiva una possibile verità.

Gli architetti, infine, scolpiscono lo Spazio come fosse pura materia, oppure ne indagano pazientemente i mutamenti e l’evoluzione.
Gli architetti invitati a realizzare un intervento site specific per il MAXXI hanno messo a confronto il proprio lavoro con le diverse concezioni di Spazio presenti nelle opere delle collezioni del MAXXI Arte. Per assonanza di significato o per associazione formale, le opere esposte sono state suddivise in quattro aree tematiche: Naturale Artificiale, Dal Corpo alla Città, Mappe del reale, La scena e l’Immaginario.

 

 

SPAZIO_opereinmostra