Roma, non serve la “tutela americana”