Jemolo, Andrea

“Ritrattista” puntuale dell’architettura storica, moderna e contemporanea, Andrea Jemolo (Roma 1957) è un fotografo attento alla dimensione tecnica ed estetizzante della ripresa. Come sostiene Pippo Ciorra «del suo lavoro, capace di “dare vita” alle pietre delle statue romane come a quelle degli edifici, colpiscono da un lato la capacità di astrazione, che fa di ogni visione un’immagine compiuta e perfetta, potente quanto la somma di tutte le immagini dell’edificio, e dall’altro una sensibilità che sembra consentirgli di guardare sempre l’edificio con l’occhio dell’autore, sia esso Giulio Romano o Richard Meier, riscoprendone i significati più importanti e mettendone in luce visioni e prospettive cruciali (…). Una “visione” perfetta, senza far perdere il senso completo dell’edificio». (P. Ciorra, Equlibri complessi, in Visione Aperta Roma Città, catalogo della mostra, Roma 2004).
Dal 1988 Jemolo ha dato avvio alla costituzione di un Archivio Fotografico che si compone ad oggi di circa 10.000 immagini, realizzate nel corso di campagne fotografiche per riviste, case editrici di architettura e arte, o commissionate da istituzioni, come nel caso dei lavori realizzati per il MAXXI.