Reichlin, Bruno

Conseguito il diploma d’architetto al Politecnico Federale di Zurigo (ETHZ), Bruno Reichlin è stato assistente di Giovanni K. König all’Università di Firenze dal 1969 al 1970 e di Aldo Rossi all’ETHZ dal 1972 al 1974. È stato collaboratore scientifico dell’Institut für Geschichte und Theorie der Architektur del Politecnico Federale di Zurigo (1972-1981), Professore alla Ecole d’architecture di Nancy (1983-1984), alla Ecole d’architecture dell’Università di Ginevra (1984-1994) e all’Institut Universitaire d’Architecture di Ginevra (1995-2006) dove è stato responsabile del terzo ciclo di studi Sauvegarde du patrimoine bâti. Dal 2000 è docente all’Accademia di architettura di Mendrisio. È autore di numerosi progetti e opere d’architettura realizzati con Fabio Reinhart, con Marie-Claude Bétrix ed Eraldo Consolascio, Zurigo e con Santiago Calatrava. Con Gabriele Geronzi ha progettato diversi mobili per Molteni. In qualità di autore, curatore e/o architetto ha seguito numerose esposizioni ed è autore di molti studi e scritti su Le Corbusier, Max Bill, Frederick Kiesler, Asnago e Vender, Robert Mallet-Stevens, Carlo Mollino, Jean Prouvé, Alberto Sartoris, Ludwig Mies van der Rohe, Carl Weidemeyer, Auguste Perret, Vittoriano Viganò, Adalberto Libera, BBPR, Philip Johnson e su architetti contemporanei.