YAP MAXXI 2011

  • YAP MAXXI
    YAP MAXXI 2011
    mostra 24 giugno - 28 agosto 2011 Galleria 5
    eventi 23 giugno - 16 ottobre 2011 Spazio YAP

    Il MoMA - The Museum of Modern Art con il MoMA PS1 di New York e il MAXXI hanno unito le forze per lanciare YAP MAXXI, la prima edizione italiana dell’affermato Young Architects Program. Il programma YAP, che a New York è giunto alla sua dodicesima edizione, prevede che ogni anno uno studio di architettura emergente progetti un’installazione capace di fornire uno spazio per il programma di eventi estivi del museo e un luogo con “ombra, acqua e spazi per il relax” ai visitatori. Come per il MoMA PS1, la selezione dei cinque finalisti e la scelta della proposta da realizzare avviene con la collaborazione di un ampio numero di segnalatori e di una giuria mista MAXXI, MoMA/MoMA PS1. L’obiettivo, oltre che sottolineare la natura di spazio pubblico del giardino del MAXXI, è promuovere progettisti innovativi e sensibili ai temi della salvaguardia dell’ambiente. La mostra, aperta contemporaneamente al MoMA e al MAXXI, documenta insieme le cinque proposte finaliste per il MoMA PS1 e le cinque proposte finaliste per il MAXXI. Gli spazi esterni del museo, trasformati in un giardino di isole verdi grazie al progetto WHATAMI dello studio stARTT, ospiteranno invece le serate estive del MAXXI con eventi dedicati alle diverse declinazioni delle arti contemporanee.

  • YAP MAXXI
    La mostra, allestita contemporaneamente al MAXXI e al MoMA, presenta tutti i progetti finalisti della competizione newyorchese e di quella romana. Le mostre Young Architects Program, a Roma e a New York, sono curate rispettivamente da Pippo Ciorra, Senior Curator del MAXXI Architettura, e Barry Bergdoll, The Philip Johnson Chief Curator of Architecture and Design, MoMA.

    ROMA
    NEW YORK
    stARTT/ Italia WHATAMI Proposta vincitrice di YAP MAXXI 2011, Whatami è un arcipelago di aree verdi, una grande ‘isola’ principale e numerosi altri spazi più piccoli, disseminati in tutta l’area esterna del museo. Grandi ‘fiori’ in acciaio e resina forniscono ai visitatori ombra di giorno e luce di notte, creando uno spazio per il relax estivo e una tribuna vegetale per i numerosi eventi all’aperto del museo. Al termine dell’estate, tutti i materiali naturali saranno restituiti ai loro luoghi d’origine mentre gli oggetti high-tech a forma di fiore saranno ricollocati in città, nei parchi e nelle aree gioco delle scuole.
    Raffaella De Simone e Valentina Mandalari/ Italia SOUTHERN COMFORT Semplici costruzioni in legno, comprendenti camere ombreggiate in stile “cabana” che costituiscono un luogo per il relax e la visione delle attività nello spazio aperto del museo. Ricoperte di tessuti differenti, le strutture offrono una varietà di microclimi e si pongono in contrasto con il grande edificio del museo e con lo spazio aperto della sua piazza.
    Langarita-Navarro Arquitectos/ Spagna AMPLIFIER ROCKER SWING Una copertura in grado di riflettere al meglio luce e calore estivo, realizzata con un tessuto di maglie argentate sospeso su strutture metalliche raggruppate in anelli concentrici. Animata da vento, luce e acqua, la copertura crea una rinfrescante atmosfera nello spazio aperto, arredato con altalene, amache, sedie a dondolo e tubi microforati che emettono un lieve getto di pioggia artificiale.
    Asif Khan/ Gran Bretagna MAXXI CLOUD Una nuvola-pensilina sospesa in cielo, un paesaggio di sedie a sdraio, una piscina e una serie di piccole fontane. Le nuvole - realizzate con acqua, sapone, elio e una sottile rete di nylon - fluttuano al di sopra dei visitatori che si rilassano su sedute simili a lettini da spiaggia.
    Ghigos Ideas/ Italia FATA MORGANA Un padiglione costituito da piattaforme circolari a varie altezze, collegate da scale e inondate da getti d'acqua. Superfici specchianti che riflettono il cielo, piattaforme più piccole temporaneamente elevate da getti e diversi altri giochi d'acqua creano uno spazio per il divertimento e il relax.
    Interboro Partners/ Brooklyn, New York HOLDING PATTERN Vincitore del concorso di New York, Interboro Partners propone per il MoMA PS1 un’audace copertura di nastri, tesi tra i muri in cemento del cortile e il parapetto del centro d’arte, senza alcun supporto a terra che interferisca nello spazio così da enfatizzare l’interazione tra i visitatori, e quella tra questi ultimi e le panchine mobili, gli sgabelli, le piscine per bambini e i tavoli da ping-pong. Il più piccolo dei cortili adiacenti è rivestito invece di specchi, mentre il più grande è occupato da un fitto bosco urbano.
    Formlessfinder/ New Haven, Connecticut e Brooklyn BAG PILE Una fitta composizione di pesanti colonne, archi e volte, crea spazi irregolari, una foresta primitiva per un’era di emergenza ecologica e scarsità di risorse naturali. I materiali di riempimento - ghiaia, sabbia e gommapiuma riciclata - sono quelli più comunemente utilizzati nella progettazione del paesaggio per contenere l’erosione. Oltre all’ombra creata dalle strutture sovrastanti, vasche d’acqua collocate nel cortile offrono sollievo dal caldo sole estivo.
    IJP Architects/ Londra e Cambridge, Massachusetts MoMA PS1SP11 GHOSTHOUSE Costituita principalmente di corda in polipropilene blu, bianco e rosso, la leggera installazione traccia una serie di spazi interconnessi, simili a stanze. Nell’area del cortile principale una sala da pranzo a cielo aperto, un salotto e vasche poco profonde per la balneazione; un’area più piccola ospita invece la riproduzione coperta di un’abitazione monocamera, con tanto di tetto spiovente, cornicioni e camino. Etereo e familiare, il progetto combina lo spazio formale e pubblico del cortile del MoMA PS1 con l’ambiente informale di una casa privata.
    MASS Design Group/ Boston, Massachusetts BOTTLE SERVICE Simile ad un luogo subacqueo sottostante isole di ghiaccio galleggianti, l’installazione è progettata per rinfrescare i visitatori nei mesi estivi mediante la creazione di ampie zone d’ombra e la suggestione di un freddo mondo acquatico. Il progetto include anche una vasca d’acqua fredda e un sistema di nebulizzazione, per ridurre la temperatura all’interno del padiglione.
    Matter Practice/ Brooklyn, New York WARM UP - COOL DOWN Ispirandosi al sollievo che si prova passando da una temperatura estrema all’altra, la proposta contrappone aree calde e fredde in tutti gli spazi esterni del MoMA PS1. Spostandosi tra zone ventilate e non, i visitatori godono del sollievo di scaldarsi o rinfrescarsi nei diversi microclimi. Una copertura colorata priva di sostegni a terra ombreggia tutto lo spazio, bloccando i raggi ultravioletti.

    torna su

  • YAP MAXXI Il 24 maggio scorso hanno avuto inizio, nella piazza del MAXXI, i lavori del cantiere per la costruzione del progetto Whatami dello studio stARTT: un arcipelago di 8 isole verdi, costruite su uno scheletro di balle di fieno e terra e rivestite da 700 mq di prato lavato. La grande isola centrale è fissa e alta circa 2 metri, mentre 7 isole minori poggiano su ruote. Questo paesaggio mobile è illuminato di notte da 18 fiori in vetroresina rossa alti 5 metri che di giorno proiettano invece zone d’ombra. Uno specchio d’acqua corrente completa l’installazione.

    Segui i lavori del cantiere giorno per giorno su http://whatamiproject.blogspot.com/


  • WHATAMI è lo scenario di una programmazione che vede le serate estive del MAXXI popolarsi di eventi dedicati alle diverse declinazioni delle  arti contemporanee con:
    MAXXIMALISM
    serie di performance musicali, in anteprima italiana, di alcuni tra i più innovativi interpreti della scena internazionale
    ContemporaneaMente
    ciclo di incontri con alcuni dei protagonisti della cultura italiana come Gianna Nannini, Andrea Camilleri,  Carlo Verdone e Ascanio Celestini, intervistati da Pierluigi Battista e Piero Dorfles
    Architecture Talks-Roma
    rassegna dedicata all’architettura italiana più attuale che vedrà alternarsi 24 studi romani per raccontare al pubblico la propria ricerca e attività
    Architecture Visions programma di proiezioni che offre al pubblico la possibilità di conoscere i principali esponenti dell’architettura contemporanea e gli edifici più interessanti del panorama internazionale restando comodamente seduti nel verde arcipelago di YAP MAXXI
    Inoltre lezioni di Tai Chi e DJ set

     

    GIUGNO
    LUGLIO
    SETTEMBRE
    OTTOBRE

    giovedì 23, ore 20.30   MAXXIMALISM/Summer music shows at MAXXI
    Momus in concerto

     

    mercoledì 29, ore 19.00   Lezione di Tai Chi

     

    mercoledì 29, ore 20.30   Architecture Talks-Roma. Giovani architetti romani presentano il proprio lavoro
    -scape, F A N studio, ma0/emmeazero, studioUAP

     

    giovedì 30, ore 20.15   ContemporaneaMente
    Gianna Nannini in dialogo con Pierluigi Battista

     

     

    venerdì 1, ore 20.30   REWF@MAXXI / Dj set + Visuals
    The 2 Mellow Boys

     

    mercoledì 6, ore 19.00   Lezione di Tai Chi

     

    mercoledì 6, ore 20.30   Architecture Talks-Roma. Giovani architetti romani presentano il proprio lavoro
    Insula, OFL architecture, 2A+P/A, mOrq (Monteduro Roia Quagliola)

     

    giovedì 7, ore 20.30   MAXXIMALISM/Summer music shows at MAXXI
    Nettle/ DJ Rupture

     

    venerdì 8, ore 20.30   REWF@MAXXI / Dj set + Visuals
    Uomoblu + FA1

     

    martedì 12, ore 20.30   Architecture Talks-Roma. Giovani architetti romani presentano il proprio lavoro
    IaN+, FARE studio, OSA architettura e paesaggio, 2T_R architettura

     

    mercoledì 13, ore 19.00   Lezione di Tai Chi

     

    giovedì 14, ore 20.15   ContemporaneaMente
    Giovanni Bignami in dialogo con Marco Cattaneo

     

    martedì 19, ore 20.30   Architecture Visions / Proiezioni di film e video di architettura contemporanea
    Playing on the Scene

     

    mercoledì 20, ore 19.00   Lezione di Tai Chi

     

    giovedì 21, ore 20.30   MAXXIMALISM/Summer music shows at MAXXI
    Sandro Perri/ Polmo Polpo

     

    venerdì 22, ore 20.30   REWF@MAXXI / Dj set + Visuals
    Gianni Music

     

    martedì 26, ore 20.30   Architectures Visions / Proiezioni di film e video di architettura contemporanea
    Playing on the Scene

     

    mercoledì 27, ore 19.00   Lezione di Tai Chi

     

    venerdì 29, ore 20.30   REWF@MAXXI / Dj set + Visuals
    RumuR

     

     

    torna su

    venerdì 2, ore 20.30   REWF@MAXXI / Dj set + Visuals
    Dj

     

    mercoledì 7,ore 19.00   Lezione di Tai Chi

     

    mercoledì 7, ore 20.30   Architecture Talks-Roma. Giovani architetti romani presentano il proprio lavoro
    BiCuadro Architetti, Labics, modostudio, T SPOON

     

    venerdì 9, ore 20.15   REWF@MAXXI / Dj set + Visuals
    Dj

     

    martedì 13, ore 20.30   Architectures Visions / Erratic language in architectural narratives
    The Architect's Micronarratives 1/2

     

    mercoledì 14, ore 19.00   Lezione di Tai Chi

     

    giovedì 15, ore 20.15   ContemporaneaMente
    Carlo Verdone
    intervistato da Paolo Mieli

     

    venerdì 16, ore 20.30   REWF@MAXXI / Dj set + Visuals
    Dj

     

    martedì 20, ore 20.30   Architectures Visions / Erratic language in architectural narratives
    The Architect's Micronarratives 2/2

     

    mercoledì 21, ore 19.00   Lezione di Tai Chi

     

    giovedì 22, ore 20.30   Architecture Talks-Roma. Giovani architetti romani presentano il proprio lavoro
    AVAA, c.a.c.p. studio, factory architettura, pedata ortenzi rossi architetti

     

    sabato 24, ore 20.15   ContemporaneaMente
    Stefano Belisari aka Elio
    intervistato da

     

    mercoledì 28, ore 19.00   Lezione di Tai Chi

     

    giovedì 29, ore 20.30   Architecture Talks-Roma. Giovani architetti romani presentano il proprio lavoro
    daniele durante_studiobv36, NEMESI STUDIO, UNPACKED, stARTT
     

    torna su

    sabato 1, ore 18.00   Drome Magazine - A supernatural pic-nic

     

    martedì 4, ore 20.30   Architectures Visions / Proiezioni di film e video di architettura contemporanea

     

    giovedì 6, ore 20.15   ContemporaneaMente
    Andrea Camilleri

     

    martedì 11, ore 20.30   Architectures Visions / Proiezioni di film e video di architettura contemporanea

     

     

    torna su