Aymonino, Carlo

Aymonino Carlo

Figura poliedrica dell’architettura italiana del secondo dopoguerra, Aymonino (1926-2010) ha coniugato professione, passione intellettuale e impegno politico. I suoi esordi lo vedono a fianco di Quaroni e Ridolfi nel progetto del quartiere Tiburtino a Roma (1949/54). Da quell’officina si avvia verso una carriera di progettista, la cui fama internazionale si consolida con la realizzazione del complesso residenziale Monte Amiata al Gallaratese 2 (Milano, 1967/72). Negli anni Settanta e Ottanta Il palazzo di Giustizia a Ferrara, la casa parcheggio e l’Istituto tecnico-commerciale a Pesaro segnano le tappe più rilevanti della sua ricerca, in cui associa complessità tipologica e rigore geometrico. Fra i progetti più recenti: la sistemazione dell’area del Colosseo e delle fondamenta del Colosso (1982/84), e ultimissimo, la realizzazione della copertura del cosiddetto Giardino Romano nei Musei Capitolini (1993/96), entrambi i progetti sono presenti dal 2009 nelle collezioni del MAXXI Architettura. Docente e rettore dello IUAV, è stato il primo assessore al centro storico del Comune di Roma (1980-84). Accademico di San Luca, è autore di numerosissimi scritti di architettura.

Carlo Aymonino, Copertura del Giardino Romano in Campidoglio, 1993/96 (part.)