Francesco Poli racconta gli anni settanta e il concettualismo italiano

Le Storie dellArte

Tornano al MAXXI Le Storie dell’arte, serie di incontri per scoprire e comprendere come è cambiata l’arte contemporanea italiana degli ultimi cinquant’anni.

Galleristi, curatori, critici d’arte incontrano il pubblico per raccontare le neoavanguardie, il concettualismo e l’arte povera, il post modernismo e l’arte del nuovo millennio. Non solo lezioni di arte contemporanea ma i racconti di quei protagonisti che con mostre straordinarie hanno segnato la storia dell’arte italiana contemporanea.

Francesco Poli racconta gli anni settanta e il concettualismo italiano
sabato 17 dicembre, ore 11.30 – 13.00
Auditorium MAXXI
ingresso €4 – gratuito per i titolari della membership card my MAXXI fino a esaurimento posti, con ritiro biglietto entro le ore 11.15 del giorno dell’evento

Gli anni settanta in Italia sono gli anni della tensione culturale, politica e ideologica. È il momento in cui si sviluppano e si affermano quelle tendenze sperimentali emerse nel decennio precedente che portano a un radicale mutamento artistico e culturale.
Il contributo degli artisti italiani, specie nell’ambito dell’arte concettuale, oggetto di questa storia, è di grande originalità e ricco di conseguenze anche per i decenni successivi.

Francesco Poli è professore di Storia dell’arte contemporanea all’Accademia di Brera a Milano. Insegna a contratto all’Université Paris 8, Parigi e a Scienze della comunicazione, presso la Facoltà di Lettere di Torino. Ha curato numerose mostre in spazi pubblici e privati. Collabora a varie riviste e al quotidiano La Stampa. Tra le sua pubblicazioni si ricordano: Il sistema dell’arte contemporanea. Produzione artistica, mercato, musei, Roma 2009; Minimalismo, arte povera, arte concettuale, Roma 2009.

Prossimi appuntamenti:
ore 11.30 – 13.00

21 gennaio 2012 | Achille Bonito Oliva
18 febbraio 2012 | Angela Vattese
17 marzo 2012 | Germano Celant
21 aprile 2012 | Laura Cherubini
19 maggio 2012 | Laura Cherubini