Alex Cecchetti. H Coreografia per nudi che si nascondono


19 giugno Marzia Migliora
20 giugno Alex Cecchetti
21 giugno Bruna Esposito

a cura di Anne Palopoli

MAXXI e Telecom Italia presentano ACTING OUT. Artisti italiani in azione, tre giorni dedicati alla performance italiana contemporanea e, a seguire, una mostra (dal 27 giugno al 9 settembre 2012) in cui vengono presentate le opere, le fotografie, i video e la documentazione degli eventi performativi.
Marzia Migliora, Alex Cecchetti e Bruna Esposito saranno protagonisti di tre “azioni” che coinvolgeranno il pubblico del museo. Con linguaggi e metodologie diversi, gli artisti daranno origine a narrazioni differenti tra loro ma accomunate dalla volontà di relazionarsi con la realtà spaziale del museo e con quella sociale, politica, storica del mondo.


mercoledì 20 giugno, orario di apertura del museo
H COREOGRAFIA PER NUDI CHE SI NASCONDONO
Sale del museo – dalle 17.30 ingresso libero al museo
ore 18.45 incontro con l’artista

Alcuni danzatori nudi attraversano gli spazi del museo, visioni di una coreografia che vuole sfuggire alla rappresentazione e restare celata allo spettatore.

 

Si ringrazia qwatz artist in residence program

Alex Cecchetti, Marija and the bird, 2012. During H. Photo by Marija Saborsinaite

“ Immaginate per un momento che l’oggetto in mostra sia cosciente. Saprebbe l’oggetto riconoscere la sua condizione come esposta? Comprenderebbe di essere un segno?

Oppure:

Si sa che un uccello esotico vive in una particolare parte della foresta, ma a cosa assomiglia? Quando si riuscirà a vederlo? Al mattino il nido è vuoto. Si aspetta per tutto il pomeriggio, e quando arriva la sera si ottiene solo di vedere la sua lunga ombra o il canto prima del tramonto. Dovete allora tornare, e ogni giorno l’uccello sarà una configurazione differente.

Più probabile:

Quello che forse riuscirete a vedere sono dei ballerini che si trasformano in disegni, attraverso un semplice movimento. Lo fanno per nascondersi più che per esporsi. E la storia del vostro incontro sta nello sguardo, come quando provate a disegnare un albero, abbassate gli occhi e l’albero non c’è più, c’è solo un foglio di carta.

C’è anche un fotografo in questa coreografia, è un po’ come un foglio di carta che non ha alcun bisogno di voi. Non documenta nulla, non cattura tracce, come un uccello che invece di uova fa polaroid.”

Alex Cecchetti