Destra e sinistra, il peccato culturale