Al MAXXI il tempo secondo l’arte di William Kentridge