Kentridge, ovvero il pensiero “mangiatempo”