MAXXI » Premio Italia http://www.fondazionemaxxi.it Museo nazionale delle Arti del XXI secolo Thu, 23 Oct 2014 16:55:23 +0000 it hourly 1 http://wordpress.org/?v=3.3.2 Copyright © MAXXI Museo nazionale delle arti del XXI secolo 2012 community@fondazionemaxxi.it (Fondazione Maxxi) community@fondazionemaxxi.it (Fondazione Maxxi) 1440 http://www.fondazionemaxxi.it/wp-content/plugins/podpress/images/powered_by_podpress.jpg MAXXI http://www.fondazionemaxxi.it 144 144 http://www.fondazionemaxxi.it/?feed=podcast Museo Nazionale delle Arti del XXI Secolo Fondazione Maxxi Fondazione Maxxi community@fondazionemaxxi.it no no PREMIO MAXXI 2014 http://www.fondazionemaxxi.it/2014/05/28/it-premio-maxxi-2014/ http://www.fondazionemaxxi.it/2014/05/28/it-premio-maxxi-2014/#comments Wed, 28 May 2014 12:38:56 +0000 Angela http://www.fondazionemaxxi.it/?p=39746
  • Premio MAXXI 2014
    28 maggio – 21 settembre 2014

    Galleria 5, Corner D, Piazza, Corpo scale

    Il PREMIO MAXXI, nato per sostenere la giovane generazione di artisti italiani, è giunto alla terza edizione. Dopo Rossella Biscotti nel 2010 e Giorgio Andreotta Calò nel 2012, quest'anno a vincere il premio è Marinella Senatore, la cui opera The School of Narrative Dance, Roma, insieme a quelle dei finalisti Micol Assaël, Linda Fregni Nagler e Yuri Ancarani invade gli spazi del museo: dalla scenografica Galleria 5 al Corner D, dalla piazza al corpo scale, integrandosi con le trame fluide dello spazio progettato da Zaha Hadid.  

    Il calcio da un punto di vista nuovo e controcorrente,
    uno spazio fisico che diventa mentale, il brivido della sospensione nel vuoto,
    una scuola nomade in cui imparare ma anche insegnare.

    La mostra, a cura di Giulia Ferracci, si muove negli spazi del MAXXI partendo dall’esterno con Natura dell'emozione (2001 – 2014) di Micol Assaël e proseguendo nella piazza del museo e nel corpo scale con The School Of Narrative Dance, Roma (2014) di Marinella Senatore. Si conclude nella Galleria 5: all'interno,  Linda Fregni Nagler espone Per comandare all'aria (2014), davanti alla vetrata è allestito invece San Siro (2014), il film di Yuri Ancarani.

    Completa la mostra una zona di racconto: una serie di materiali esposti mette a nudo le suggestioni e il percorso che hanno portato gli artisti a produrre il loro lavoro.

    Sulla base di questi lavori  la giuria ha designato Marinella Senatore come vincitrice dell'edizione 2014 e la sua opera - The School of Narrative Dance, Roma - entrerà a far parte della collezione permanente del MAXXI. All’artista verrà inoltre dedicata una pubblicazione monografica, con interviste, saggi e una sezione antologica dei più importanti testi critici che ne hanno accompagnato il percorso. La pubblicazione, in italiano e inglese, avrà una distribuzione internazionale.
    Il vincitore è stato decretato il 13 giugno, quando la giuria si è riunita per valutare i progetti >>

  • Premio MAXXI 2014
    28 maggio – 21 settembre 2014

    Galleria 5, Corner D, Piazza, Corpo scale

    MARINELLA SENATORE
    La sua ricerca si caratterizza per la partecipazione attiva del pubblico nel processo creativo, utilizzando diversi media, dall’installazione al video, disegno, performance e fotografia.
    Tra le principali mostre: 54 Biennale di Venezia, Göteborg Biennial, Contour-Biennial, Liverpool Biennial, 12th Bienal de Cuenca, 4th Athens Biennale (2011), 11th Biennial de la Havana (2012), Petach-Tikva Museum of Art (2014), MCA Chicago (2009), Castello di Rivoli (2013), Kunst Halle S. Gallen (2014), MCA Santa Barbara (2014). Tra i premi: Dena Foundation Fellowship (2009), New York Prize (2010), American Academy in Rome Fellowship (2012). Nel 2013 è vincitrice della Borsa Giovani Artisti Italiani, Castello di Rivoli, e nel 2014 finalista del Premio MAXXI e residente per “Museo Chiama Artista” | AMACI.

     

  • Premio MAXXI 2014
    28 maggio – 21 settembre 2014

    Galleria 5, Corner D, Piazza, Corpo scale

    YURI ANCARANI
    Videoartist e filmaker, vive e lavora tra Ravenna e Milano. Le sue opere nascono da una continua fusione fra arte e cinema documentario e sono spesso caratterizzate da una narrazione che esplora luoghi abitualmente poco visibili e alcuni temi chiave della nostra contemporaneità non ancora analizzati.
    I suoi lavori sono stati presentati a numerose mostre e musei nazionali ed internazionali tra cui: T.I.C.A. Tirana Institute of Contemporary Art (Tirana, Albania, 2009), Biennale di Praga 5 (Praga, Polonia, 2011), R. Solomon Guggenheim Museum (New York, USA, 2012), 14 Media Art Biennale Wro (Wroklav, Polonia, 2011), Galleria ZERO... (Milano, 2012), 55° Esposizione d'Arte Internazionale, Il Palazzo Enciclopedico, La Biennale di Venezia (Venezia, 2013), Fondazione Sandretto Re Rebaudengo (Torino, 2013), Galleria Isabella Bortolozzi (Berlino, 2013). 

    MICOL ASSAEL
    Considerata una tra le voci più interessanti nello scenario artistico italiano e internazionale, si è sempre interessata allo studio dei fenomeni fisici, al mondo della musica, della scienza, alla filosofia, che ha analizzato attraverso la costruzione di sistemi complessi volti a evidenziare gli aspetti non controllabili della realtà, come l’elettricità, il comportamento delle api, le eruzioni vulcaniche.
    Il suo lavoro è stato presentato in occasione delle mostre personali: La Folie de la Villa Medicis, Villa Medici, Accademia di Francia, Roma (2002); Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Torino, Italia (2004); Inaudito, GNAM, Galleria Nazionale d’Arte Moderna, Roma, Italia (2008); Chizhevsky Lessons, Kunsthalle Basel, Basel, Svizzera, (2007); Fomuska, Secession, Vienna (2009); Museion, Bolzano, Italia (2010); ILIOKATAKINIOMUMASTILOPSARODIMAKOPIOTITA, HangarBicocca, Milano, Italia (2014).
    Ha inoltre partecipato alla Biennale di Venezia (2003 e 2005), a Manifesta (2004), alla Biennale di Mosca (2005), alla Biennale di Berlino (2006), After Nature, New Museum, New York (2008), Chasing Napoleon (Palais de Tokyo, Parigi, Francia (2009).

    LINDA FREGNI NAGLER
    Vicina alla grande tradizione dei fotografi italiani, studia la fotografia per verificarne e potenziarne le capacità, analizzare il tempo, creare nuovi immaginari. Diplomata all’Accademia di Belle Arti di Brera nel 2000, ha partecipato nel 2004 al Corso Superiore di Arti Visive della Fondazione Ratti (Como). Nel 2006 si è diplomata in Fotografia Cinematografica presso la Escuela International de Cine y Television (EICTV), a Cuba. Nel 2013 è stata invitata alla 55 Biennale di Venezia, Il Palazzo Enciclopedico, Esposizione Internazionale d’Arte, curata da Massimiliano Gioni. Ha esposto le sue opere in mostre personali presso la Galleria Monica De Cardenas, Milano (2011), la Columbia University, NY (2007), la Fondazione Olivetti, Roma (2006). Ha partecipato a mostre collettive quali: LE SILENCE–Une fiction, Nouveau Musée National de Monaco (2012); SI - Sindrome Italiana, la jeune création artistique italienne, MAGASIN-Centre National d'Art Contemporain de Grenoble (2010). Nel 2007 ha vinto il Premio New York, del Ministero degli Affari Esteri e la Columbia University.   

    I candidati sono stati proposti da curatori, giornalisti, critici italiani indipendenti o legati a importanti istituzioni nazionali e internazionali:
    Barbara Casavecchia critica e curatrice indipendente, Contributing Editor Frieze Magazine e curatore All’Aperto-Fondazione Zegna, ha segnalato Linda Fregni Nagler
    Luca Lo Pinto Curatore Kunsthalle Wien e Direttore Editoriale NERO, ha proposto Micol Assaël,
    Luigi Fassi Writer per Mousse, Artforum, Klat e Site, ha indicato Yuri Ancarani
    Marcella Beccaria, Chief Curator Castello di Rivoli, ed Emanuele Guidi, Artistic Director ar/ge Kunst Galerie, Bolzano, hanno proposto Marinella Senatore.

  • Premio MAXXI 2014
    28 maggio – 21 settembre 2014

    Galleria 5, Corner D, Piazza, Corpo scale

    Un frame del film San Siro di Yuri Ancarani SAN SIRO
    Il film di Yuri Ancarani è una lettura poetica quanto efferata del mondo calcistico che celebra il mito sportivo mostrandone il volto nascosto e rovesciando il tempo di una partita in una riflessione sulla spettacolarizzazione del gioco. 
    Girato nel 2014 nello Stadio San Siro, racconta il calcio da una nuova angolazione, che rivela quanto questo mondo sia popolare e sconosciuto al tempo stesso.
    Nello stadio i giocatori, come i gladiatori romani di un tempo, sono ritratti come oggetto di uno spettacolo incredibile, rappresentati come persone comuni, oltre il mainstream. Ancarani offre un prezioso esempio di ricerca artistica sulla società italiana - di cui il calcio da sempre è collante - mettendone in evidenza luci e ombre.
    Natura dell'emozione di Micol Assael NATURA DELL'EMOZIONE
    L'opera di Micol Assaël suggerisce una riflessione sul tema dello spazio fisico e le sue connessioni con quello dell’inconscio.
    Esposta per la prima volta alla Galleria Studio 34, Salerno, l'installazione viene presentata in una versione rivisitata in occasione del Premio MAXXI: è una stanza arredata da un letto, piccole sfere di vetro che interagiscono con la luce dell’ambiente per rifrazione, alcuni sanitari ricolmi di acqua e sospesi all’altezza dello sguardo, un generatore ad alta tensione posto al centro della sala. La stanza è ritmata dalla caduta irregolare di gocce d’acqua mentre il generatore produce un arco voltaico a basso amperaggio e a intervalli costanti.
    Uscendo dalla sala si ha l’impressione di aver dialogato con una presenza invisibile fatta di campi di forze che invadono lo spazio, intercettano la percezione dei sensi, abitano l’atmosfera circostante.
    Per comandare all'aria PER COMANDARE ALL'ARIA
    Linda Fregni Nagler espone un nucleo composto da tre sculture e una selezione di quindici fotografie che ritraggono figure in procinto di saltare o che si trovano sospese in equilibrio precario. Questo tema è una riflessione sul tempo, sulla sospensione, sulla condizione di assoluta incertezza. Le fotografie sono state rielaborate in camera oscura attraverso solarizzazione, ossidazione e sovraesposizione, processi grazie ai quali è stato possibile rilevare i segni di matita colorata presenti sugli originali. L'artista ha scelto di riportare alla luce queste tracce esaltandone le qualità pittoriche e compiendo così un passaggio da fotografia documentaria a opera d’arte.  L'opera si completa di elementi plastici aerei assemblati a partire da fotografie di modelli di aerostato, che il fotografo e aeronauta francese Nadar ha usato per il suo pallone aerostatico, grazie al quale, nel 1868, ha realizzato le prime fotografie aeree della storia.
    The School of Narrative Dance THE SCHOOL OF NARRATIVE DANCE
    L'artista Marinella Senatore presenta una scuola di storytelling itinerante e gratuita, basata su sistemi didattici orizzontali che attivano processi di emancipazione e auto-apprendimento, in cui chiunque può insegnare o essere studente, e in cui il pubblico diventa protagonista del processo di costruzione dell’opera.  Con questo lavoro Marinella Senatore compie una riflessione sul concetto di opera come forma espressiva partecipata, in grado di cambiare la fisionomia del territorio e della socialità a esso legata. Tutte le esperienze di narrazione vissute durante le lezioni confluiranno in una performance di teatro-danza parte del progetto dell’artista e diretta dalle coreografe del collettivo berlinese ESPZ. 
  • Premio MAXXI 2014
    28 maggio – 21 settembre 2014

    Galleria 5, Corner D, Piazza, Corpo scale

    La giuria è composta da Anna Mattirolo, Direttore MAXXI Arte e commissario del Premio, Hou Hanru, Direttore artistico MAXXI, Fabio Cavallucci, Direttore Centro per l'Arte contemporanea Luigi Pecci di Prato, Massimiliano Gioni, Direttore artistico della Fondazione Nicola Trussardi di Milano, Associate Director e Director of Exhibitions del New Museum of Contemporary Art di New York, l’artista Giuseppe Penone e Susan Pfeffer, Direttore Artistico Kunsthalle Fridericianum di Kassel.

    Il 13 giugno la giuria internazionale si riunirà per valutare i progetti. L'opera dell'artista vincitore entrerà a far parte della collezione permanente del MAXXI. All’artista vincitore verrà dedicata una pubblicazione monografica, corredata da interviste e saggi e da una sezione antologica dei più importanti testi critici che ne hanno accompagnato il percorso. La pubblicazione, in italiano e inglese, avrà una distribuzione internazionale.

]]>
http://www.fondazionemaxxi.it/2014/05/28/it-premio-maxxi-2014/feed/ 0
Premio Italia Arte Contemporanea 2012 http://www.fondazionemaxxi.it/2012/01/26/premio-italia-arte-contemporanea-2012-2/ http://www.fondazionemaxxi.it/2012/01/26/premio-italia-arte-contemporanea-2012-2/#comments Thu, 26 Jan 2012 00:30:49 +0000 CF http://www.fondazionemaxxi.it/?p=18926
  • Premio Italia
    27 gennaio – 20 maggio 2012 prorogata fino al 17 giugno
    a cura di Giulia Ferracci, MAXXI Arte

    Galleria 5

    Il Premio Italia Arte Contemporanea, giunto quest’anno alla sua seconda edizione, è nato per sostenere e promuovere i più recenti sviluppi della scena artistica contemporanea e la nuova generazione di artisti italiani nel contesto locale e internazionale. Inoltre, il Premio rappresenta un’occasione importante per la crescita della collezione del Museo, che viene incrementata anche attraverso l’acquisizione di opere appositamente commissionate e prodotte.

    In occasione del Premio Italia 2012, i quattro artisti finalisti – Giorgio Andreotta Calò, Patrizio di Massimo, Adrian Paci e Luca Trevisani - presentano altrettante opere pensate appositamente per gli spazi del Museo, opere che riflettono sui temi di grande attualità, quali il paesaggio e la trasfigurazione della città, la storia come modello di identità nazionale, il rito come momento di riconoscimento tra individui, la materia e la finitezza degli oggetti. Al vincitore, che verrà decretato a poche settimane dalla chiusura della mostra, sarà dedicata una pubblicazione monografica su tutto il suo percorso artistico.

    Motivazione della giuria: vince Giorgio Andreotta Calò “per la sintesi che la sua opera provoca tra esperienza individuale, il legame con lo spazio architettonico e quello urbano. L’opera riattiva la relazione del museo con la città e, nel caso del MAXXI in particolare, assorbe l’immagine della città al suo interno come metafora del rapporto speculare e di responsabilità tra l’istituzione e il Paese”.

    si ringrazia

  • Premio Italia 27 gennaio – 17 giugno 2012
    a cura di Giulia Ferracci, MAXXI Arte

    Galleria 5

    Giorgio Andreotta Calò
    Venezia, 1979 – vive e lavora ad Amsterdam
    Selezionato da Chiara Parisi, Direttore del Centre international d’art et du paysage (Ile de Vassivière, Francia), è stato scelto dalla giuria perché “attraverso le sue sculture, installazioni e video ha creato opere che si collocano tra la poesia e la politica, con un legame molto forte ai temi del paesaggio e al problema della clandestinità (…). I suoi lavori testimoniano un modo di affrontare la realtà delle periferie cittadine e la desolazione di alcuni ambienti naturali che mette in risalto l’insopportabile solitudine sociale e psicologica dell’animo umano nel contesto del nostro tempo”.

    Patrizio di Massimo
    Jesi, 1983 – vive e lavora ad Amsterdam
    Selezionato da Francesco Manacorda, Direttore Artistico della Tate Liverpool, è stato inserito tra il finalisti perché “rappresenta un unicum in Italia per la capacità di fondere un’efficace critica alla storiografia del nostro paese con una sperimentazione linguistica innovativa (…). Analizzando i fatti storici del colonialismo italiano l’artista parla in realtà del nostro presente storico e dell’identità nazionale, sviluppando una ricerca non solo estetica ma socio-politica sul ruolo propagandistico del ‘ritorno all’ordine’ delle avanguardie durante periodi di conservatorismo”.

    Adrian Paci
    Shkoder - Albania, 1969 – vive e lavora a Milano
    Presentato da Cristiana Perrella, curatore indipendente, è stato selezionato per l’approccio interessante alle tematiche al centro del suo lavoro: l’esperienza dell’emigrazione, il nomadismo, l’identità, il rapporto tra privato e dimensione collettiva. “Le sue opere vanno dalla scultura alla fotografia, dal video alle installazioni, con capacità iconica fuori dal comune. Il suo lavoro è impregnato della forza poetica del ricordo e della lontananza, del senso di solitudine e il desiderio che si prova per ciò che si è stati costretti a lasciare. Paci costringe a ragionare su cosa voglia dire per ciascuno appartenere a un contesto, sul rapporto con le radici (…).

    Luca Trevisani
    Verona, 1979 – vive e lavora tra Berlino e l’Italia
    Presentato da Andrea Bruciati, Direttore artistico della Galleria comunale d’arte di Monfalcone, è stato scelto per i suoi lavori che spesso “comportano lunghe e articolate operazioni di ricerca e riguardano il tema della collettività, indagando gli spazi e le dinamiche della condivisione (…). Lo spettatore davanti ai suoi lavori percepisce una frequenza evocativa e sospesa in cui la fisicità del materiale e l’allusione sono i due strumenti con cui l’artista rende concrete le sue visioni, nel tentativo di far collassare un mondo ordinato.


    si ringrazia

  • Premio Italia 27 gennaio – 17 giugno 2012
    a cura di Giulia Ferracci, MAXXI Arte

    Galleria 5

    La giuria del Premio Italia 2012 è composta da Elena Filipovic, curatore al WIELS Contemporary Art Center (Bruxelles); Udo Kittelmann, Direttore Staatliche Museen (Berlin); Anna Mattirolo, Direttore MAXXI Arte; Jessica Morgan, The Daskalopoulos Curator alla Tate Modern (Londra) e Luigi Ontani, artista.

    La giuria ha selezionato i quattro finalisti tra una rosa di artisti italiani o residenti in Italia, che non hanno superato i 45 anni d’età, proposti da esponenti di importanti istituzioni per l’arte contemporanea: Lorenzo Benedetti, Direttore del Art Centre di Vleeshal (Middelburg, Paesi Bassi) Andrea Bruciati, Direttore artistico della Galleria comunale d’arte di Monfalcone Irene Calderoni, Dipartimento curatori della Fondazione Sandretto Re Rebaudengo (Torino) Mario Codognato, Curatore Museo MADRE (Napoli) Francesco Manacorda, Direttore di Artissima (Torino) Chiara Parisi, Direttore Centre international d’art et du paysage (Ile de Vassivière, Francia) Cristiana Perrella, Curatore indipendente Alessandro Rabottini, Curatore GAMEC-Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea (Bergamo). I lavori della giuria sono stati coordinati da Bartolomeo Pietromarchi.

    La giuria decreterà a marzo del 2012 il vincitore sulla base dei lavori realizzati.

    si ringrazia

]]>
http://www.fondazionemaxxi.it/2012/01/26/premio-italia-arte-contemporanea-2012-2/feed/ 0
Premio Italia Arte Contemporanea 2010 http://www.fondazionemaxxi.it/2010/12/04/premio-italia-arte-contemporanea-2010/ http://www.fondazionemaxxi.it/2010/12/04/premio-italia-arte-contemporanea-2010/#comments Sat, 04 Dec 2010 10:47:30 +0000 Admin1 http://www.codesurgeon.net/themaxxiblog/?p=5492
Rosa Barba, Rossella Biscotti, Gianluca e Massimiliano De Serio, Piero Golia sono i finalisti della prima edizione del Premio Italia Arte Contemporanea ed è a loro che il MAXXI, fino al 20 marzo 2011, una mostra che raccoglie le installazioni site-specific pensate e prodotte per l’occasione.

“(…) Ne è nata una mostra, o forse sarebbe più corretto chiamarlo percorso, in cui serpeggia come tema quello del confronto dell’opera d’arte con lo spazio architettonico, con i suoi temi, le sue prospettive, i percorsi di senso e di spazio. Un percorso di vertigini” dice Bartolomeo Pietromarchi, curatore della mostra.

I quattro artisti, selezionati da una giuria internazionale, attraversano con le loro opere i linguaggi del cinema, della performance, dell’installazione in una sperimentazione linguistica interdisciplinare che li caratterizza sin dalle premesse come inseriti a pieno titolo nel panorama della ricerca più avanzata dell’arte contemporanea. Sulla base del lavoro prodotto, il 3 dicembre 2010 la Giuria designerà il vincitore, la cui opera entrerà a far parte della collezione del MAXXI Arte.

Il Premio Italia Arte Contemporanea, rivolto ad artisti under 45 italiani o residenti nel nostro Paese, nasce dall’esperienza del Premio per la Giovane Arte Italiana che nelle sue precedenti quattro edizioni ha offerto un trampolino di lancio ad artisti come Stefano Arienti, Vanessa Beecroft, Lara Favaretto, Eva Marisaldi, Nico Vascellari, Francesco Vezzoli, incrementando nello stesso tempo il patrimonio del museo. E’ particolarmente significativo che oggi, a 10 anni dalla sua creazione, il Premio torni negli spazi del MAXXI con cui condivide la missione di promozione e sostegno all’arte contemporanea italiana.

]]>
http://www.fondazionemaxxi.it/2010/12/04/premio-italia-arte-contemporanea-2010/feed/ 0