sabato 18 maggio 2013

Arte&Critica con Michele Dantini


Tornano Le Storie dell’Arte, rassegna di incontri sulla storia dell’arte contemporanea per approfondire l’arte italiana negli ultimi 50 anni insieme ai suoi protagonisti e le idee che hanno rivoluzionato il modo di fare e di guardare l’arte.

Da gennaio a maggio, ogni terzo sabato del mese, galleristi, curatori, critici d’arte incontrano il pubblico del MAXXI per raccontare le neoavanguardie, il concettualismo e l’arte povera, il post modernismo e l’arte del nuovo millennio.
Non solo lezioni di arte contemporanea ma i racconti di quei protagonisti che con mostre straordinarie hanno segnato la storia dell’arte italiana contemporanea.

Ultimo appuntamento
sabato 18 maggio, ore 11.30 – 13.00
Arte&Critica con Michele Dantini
Auditorium del MAXXI, ingresso €4 – gratuito* per i titolari della membership card my MAXXI
(*secondo disponibilità dei posti, con ritiro biglietto entro le ore 11.15 del giorno dell’evento )
È possibile acquistare il biglietto online o il giorno stesso dell’evento presso la biglietteria del museo

La storia postbellica dell’arte italiana è segnata dagli equilibri geopolitici e culturali della guerra fredda, e da quello che potremmo chiamare il marketing delle identità locali. Come confrontarsi con una tradizione illustre, la propria, se si appartiene a una nazione che si scopre bruscamente periferica? Qual è il ruolo dell’Italia nel nuovo ordine mondiale? E come ripristinare dialoghi cosmopoliti dopo decenni di isolamento? Lungi dall’essere semplice “specchio” che riflette quanto accade, il discorso critico partecipa a pieno titolo al negoziato tra culture artistiche e comunità politico-economiche. Critici e curatori, da Argan a Brandi, da Villa a Arcangeli, da Pistoi a Fossati e Celant, modellano fantasie comunitarie e progetti di identità cui gli artisti corrispondono (o cercano di sottrarsi) nei modi più diversi, con discorsi figurati e tecniche congeniali.

Michele Dantini è critico d’arte, saggista, scrittore. Professore di storia dell’arte contemporanea all’Università del Piemonte orientale, collabora regolarmente a quotidiani e prestigiose riviste nazionali e internazionali ed è responsabile del Master MAED in didattica e pedagogia dell’arte contemporanea al Castello di Rivoli Museo di Arte Contemporanea. Tra le sue pubblicazioni si ricordano Geopolitiche dell’arte (2012) e Ytalia subjecta. Narrazioni identitarie e critica d’arte (in: Il confine evanescente, 2010).