mercoledì 4 febbraio 2015

Cinema e Moda

Tre appuntamenti con film e incontri per raccontare la relazione travolgente tra moda e grande schermo
a cura di Mario Sesti

mercoledì 4 febbraio, ore 21
8 ½
di Federico Fellini, Italia, 1963 , 138′ – con Marcello Mastroianni, Anouk Aimeè, Sandra Milo
costumi: Piero Gherardi
Auditorium – ingresso libero

Al termine della proiezione, incontro con Pupi Avati moderato da Mario Sesti

Il film più amato dai grandi registi – Bergman, Scorsese, Polanski -, il cinema che s’interroga su se stesso e diventa romanzo mentre dichiara la propria impossibilità a raccontare la vita e il senso delle cose (come ha fatto la grande letteratura del ‘900), un gioco di camera e contrasti di luce che la fotografia di Gianni Di Venanzo disegna come una danza inesausta di corpi e sguardi.

In quello che forse è il più celebre film d’autore di tutti i tempi, i costumi – tutte variazioni di bianco e nero – proiettano in ogni angolo una scacchiera infinita, come se l’ambiguità del mondo fosse nell’incalcolabilità infinita delle mosse di ognuno nella festa della vita.

Intervengono
Pupi Avati regista, sceneggiatore e produttore cinematografico
Anna Mattirolo direttore MAXXI Arte

Modera
Mario Sesti giornalista e critico cinematografico

Appuntamenti precedenti
mercoledì 21 gennaio | La decima vittima
mercoledì 28 gennaio | Omaggio a Piero Tosi

In occasione della mostra Bellissima. L’Italia dell’alta moda 1945 – 1968
In collaborazione con Fondazione Cinema per Roma

Restauro digitale a cura di il CSC-Cineteca Nazionale in collaborazione con RTI-Mediaset e Medusa