venerdì 10 aprile 2015, 18:30 - 20:00
La biblioteca è di moda

La sostenibilità e il riciclo nella moda

MAXXI B.A.S.E. – ingresso libero fino ad esaurimento posti

Tre pubblicazioni, tre viaggi di ricerca e di studio legati alla moda

In occasione della mostra Bellissima. L’Italia dell’Alta Moda da 1945-1968, la Biblioteca dell’Accademia di costume e di moda di Roma, la Biblioteca Universitaria Alessandrina di Roma, la Biblioteca di design industriale e della moda – Università IUAV di Venezia e la Biblioteca del Centro Studi di Storia del Tessuto e del Costume di Palazzo Mocenigo di Venezia, hanno dato in prestito preziose pubblicazioni tra cui Una nuova moda italiana di Maria Luisa Frisa, Il bello e il buono. Le ragioni della moda sostenibile a cura di Marco Ricchetti e Maria Luisa Frisa, e The art of fashion: installing allusions, catalogo della mostra al Museum Boijmans Van Beuningen, Rotterdam 2009.

Queste pubblicazioni diventano l’occasione per parlare di temi di particolare attualità nel mondo della moda.

Può la moda essere sostenibile? Partendo dal libro del 2011 Il bello e il buono. Le ragioni della moda sostenibile, a cura di Marco Ricchetti e Maria Luisa Frisa, si cerca di rispondere a questa domanda.
Con l’ausilio di case-histories si spiega come si tratti di un terreno irto di contraddizioni, ma anche che stiamo vivendo un profondo, duraturo e necessario cambio di paradigma nella cultura del consumo. La moda sostenibile rivaluta le componenti materiali e manifatturiere, senza rinunciare a quelle estetiche e simboliche.

Intervengono
Maria Luisa Frisa, Simonetta Gianfelici, Mariavittoria Sargentini
Modera
Paola Severini Melograni

Evento in collaborazione con la Biblioteca dell’Accademia di costume e di moda di Roma, la Biblioteca Universitaria Alessandrina di Roma, la Biblioteca di design industriale e della moda – Università IUAV di Venezia e la Biblioteca del Centro Studi di Storia del Tessuto e del Costume di Palazzo Mocenigo di Venezia