mercoledì 6 luglio 2016, 19:30 - 21:30
MAXXI Temporary School

Tecno-utopia o decrescita e decelerazione?

L’evento fa parte di YAP FEST 2016
Piazza del MAXXI, Spazio YAP – ingresso libero fino a esaurimento posti
a cura di PARASITE 2.0

Tre incontri con scienziati, teorici e progettisti, seguiti da altrettante proiezioni, per approfondire le implicazioni dovute al riconoscimento dell’Antropocene

Esperti di urbanistica e di design affrontano la questione dell’Antropocene e le sue controverse implicazioni, analizzando l’influenza dei diversi fattori sui processi progettuali e il modo nel quale architettura, arte e design dovrebbero rivedere il rispettivo approccio all’antropizzazione.

Rispetto al riconoscimento dell’Antropocene – l’era attuale nella quale all’uomo sono attribuite le cause principali delle modifiche territoriali, strutturali e climatiche della Terra – esistono oggi due visioni e approcci diametralmente opposti: la prima favorevole ad affrontare il problema attraverso nuove tecnologie continuando a marcare sempre di più l’impronta umana e artificiale sul pianeta; la seconda indirizzata invece a un processo di decelerazione e decrescita.

Intervengono
Freddy Grunert artista e associate curator presso ZKM di Karlsruhe
Giuseppe Longhi docente di Urbanistica presso IUAV di Venezia
Marco Petroni teorico e critico del design
Tiziana Terranova docente di Studi Culturali e Nuovi Media presso Università degli Studi di Napoli “L’Orientale”

Modera
Luciana Parisi docente di Teorie delle Culture presso Goldsmith University di Londra

Segui la diretta streaming:

a seguire:
Proiezione
Rossella Farinotti introduce Il sale della terra (The Salt of the Earth, Brasile/Italia/Francia, 2014, col. e b/n, 100’) di Wim Wenders e Juliano Ribeiro Salgado

 
RICARICATI AL MAXXI CON ENEL
Live music, talk, incontri d’artista, cinema, fotografia
e tante altre iniziative a ingresso libero

Altri eventi del ciclo MAXXI Temporary School