30 settembre 2016 - 30 ottobre 2016

THE INDEPENDENT. BASE

un progetto di Hou Hanru
a cura di Giulia Ferracci e Elena Motisi
Corpo scale della hall

Il secondo appuntamento del 2016 con The Independent, il progetto di ricerca del museo sul pensiero indipendente, ha per protagonista il collettivo BASE / Progetti per l’arte.

Composto da undici artisti, BASE racconta, con video e documenti, i suoi diciotto anni di vita come spazio indipendente a Firenze

Il video wall – nuovo format di The Independent – trasmette una selezione di immagini delle opere site specific nate nello spazio di Firenze oltre a una serie di video-interviste agli artisti del collettivo a cura di Lorenzo Bruni. In esposizione anche la raccolta di tutti i materiali prodotti nei diciotto anni di vita e i manifesti realizzati per l’occasione dai singoli artisti del collettivo in cui manifestano la loro pratica in relazione al progetto di BASE.

BASE è un artist-run space con sede a Firenze animato da un collettivo che conta attualmente undici artisti membri: Mario Airò, Marco Bagnoli, Massimo Bartolini, Vittorio Cavallini, Yuki Ichihashi, Paolo Masi, Massimo Nannucci, Maurizio Nannucci, Paolo Parisi, Remo Salvadori, Enrico Vezzi.
Fondato nel 1998 come spazio non profit, ha proposto oltre sessanta mostre di artisti di livello internazionale con progetti ideati appositamente per lo spazio. Parallelamente sono stati realizzati cicli di incontri, proiezioni e concerti con cui stimolare una riflessione attiva sul ruolo della cultura oggi, anche in dialogo con la città e la sua storia, e sulle modalità di autodeterminazione aldilà delle coercizioni imposte dal mercato e dal sistema economico imperante.

THE INDEPENDENT è un progetto di ricerca incentrato sull’identificazione e promozione degli spazi e del pensiero indipendente; è il manifesto che il MAXXI ha scelto di utilizzare per ampliare i confini dell’istituzione museale, indagare la contemporaneità e incoraggiare la cultura “della differenza”. Il progetto esplora i contenuti delle forze creative più innovative; monitora la crescita degli spazi autonomi presenti sul territorio nazionale e internazionale; diffonde il pensiero critico e indipendente; offre uno spazio di condivisione delle esperienze contemporanea e indaga la linea di ricerca di canali non istituzionali.