martedì 29 aprile 2014

Transmedialità e costruzione del reale: comunicare il design nell’era dell’informazione


martedì 29 aprile, ore 18.00
MAXXI B.A.S.E., Sala Graziella Lonardi Buontempo – ingresso libero fino a esaurimento posti

Come opera il nostro cervello quando si trova di fronte
a situazioni in cui realtà e finzione coesistono?

Gli indizi accorrono in suo aiuto e sono tutto ciò che sappiamo del mondo e apprendiamo grazie alla lettura, all’ascolto e alle altre esperienze sensoriali. Attraverso gli indizi, creiamo un modello mentale delle cose che ci circondano riempendo i ‘vuoti’ di conoscenza.

Questa modalità operativa della nostra mente si definisce transmedialità. Su questo tema si focalizza la conferenza, nell’ambito del Garbage Patch State Embassy, ovvero sulle forme di comunicazione avanzata come opportunità per il design e la possibilità di creare non solo un oggetto, un evento, un allestimento, ma anche di descrivere, inventare, costruire virtualmente il mondo in cui questo oggetto vive.

Nel corso dell’incontro sarà presentata la pubblicazione digitale Un Simulacro per il Garbage Patch State realizzata dagli studenti del Master in Exhibit & Public Design.

Saluti
Margherita Guccione Direttore MAXXI Architettura

Introduce
Cecilia Cecchini Università di Roma La Sapienza, Direttore del Master in “Exhibit & Public Design”

Intervengono
Salvatore Iaconesi AOS Art is Open Source, docente, artista, hacker
Andrea Natella Kook Agency, giornalista, esperto di comunicazione anticonvenzionale
Corrado Peperoni Università di Roma La Sapienza, esperto di narrazioni crossmediali
Oriana Persico AOS Art is Open Source, docente, artista, esperta di comunicazione